Investì e uccise otto ciclisti, ora nuovo omicidio stradale. Musicco: “Surreale che avesse ancora la patente”

Il 5 dicembre 2010 Chafik Elketani, origine marocchina, investì e uccise otto ciclisti (altri due rimasero gravemente feriti) lungo la statale 18 Tirrenica, che da Lamezia porta a Gizzeria. All’epoca la patente gli era stata stata sequestrata da sette mesi, ma aveva continuato a guidare. Risultò sotto l’effetto di droghe e scontò cinque anni di carcere.

Ora l’uomo è accusato dalla Procura di Catanzaro di un nuovo omicidio stradale, ai danni di un connazionale, Fennane Noureddine, 31 anni, morto dopo che la macchina, a causa dell’alta velocità, è uscita di strada e si è schiantata contro un guard rail.

L’avvocato Domenico Musicco, consulente legale di AVISL (Associazione Vittime Incidenti Stradali, sul Lavoro e Malasanità) commenta: «Appare surreale che quest’uomo avesse ancora la patente pur essendo responsabile di uno dei più terribili incidenti degli ultimi decenni, aggravato dall’uso di droghe e dal fatto che gli fosse stata ritirata la patente. È vero che nel 2010 non esisteva la legge sull’omicidio stradale, ma già allora era possibile una revoca a tempo indeterminato. E non vedo casi più emblematici di questo per applicarla. Ci troviamo invece oggi a piangere una nuova vittima e ancora una volta, sembra, per un comportamento di guida fuori dalle regole di quella stessa persona di undici anni fa. Fatti del genere non sono tollerabili e non si devono più verificare. Una patente non è una formalità, è una cosa estremamente seria. E mi pare che gli sia stata restituita con incredibile leggerezza. Questo è un omicidio stradale che trova responsabilità anche nelle omissioni delle istituzioni».

 

Assistenza legale gratuita incidenti stradali. Se vuoi fare una donazione alla nostra associazione clicca sull'immagine

Cos'è Avisl Onlus

L’associazione Avisl Onlus ha lo scopo di dare assistenza legale gratuita a chi subisce un incidente stradale o ai suoi familiari. E a chi è vittima di incidenti sul lavoro o per responsabilità medica. Sostiene le vittime e i loro familiari nella pratica assicurativa e nel processo penale e civile. Avisl Onlus si avvale inoltre di psicologi, medici legali e consulenti cinematici. Nessuna spesa anticipata. CHIAMACI AL NUMERO VERDE 800 300 523

Leggi anche

Furto e atti persecutori contro i genitori di Tiberio Giorgi, medico aquilano il 10 marzo davanti al gip

Una vicenda surreale quella capitata ai genitori di Tiberio Giorgi, che, dopo aver perso il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now ButtonCHIAMA ORA