Morte Luca Tosi Brandi, i responsabili della manutenzione della strada davanti al gip

Fissata per il 10 maggio l’udienza davanti al gip per i responsabili della ditta che si sarebbe dovuta occupare della manutenzione della strada su cui morì in moto il ventenne Luca Tosi Brandi. Sono accusati di omicidio stradale: “Fatto storico”

 

Da Ansa:

ROMA, 04 FEB – Sono accusati di omicidio stradale i titolari della ditta che avrebbe dovuto occuparsi della manutenzione di via del Labaro a Roma dove, nel dicembre del 2018, morì a causa delle buche Luca Tosi Brandi, un giovane di 20 anni mentre era a bordo della propria motocicletta. La Procura ha chiesto per i due indagati il rinvio a giudizio e l’udienza davanti al gip Paola Della Monica è fissata per il prossimo 10 maggio.

L’avvocato Domenico Musicco

“Che dei tecnici vengano mandati davanti ad un giudice per omicidio stradale a causa della mancata manutenzione dell’asfalto costituisce un fatto eccezionale, di portata storica – commenta l’avvocato Domenico Musicco, presidente dell’associazione legale di parte civile e presidente dell’Associazione vittime incidenti stradali, sul lavoro e malasanità -. Rappresenta un cambio di mentalità da parte della magistratura. E sotto il profilo sociale e culturale si tratta di un tentativo di voler finalmente responsabilizzare non solo chi circola sulle strade, ma anche tutti coloro che sono deputati alla sicurezza”.
Assistenza legale gratuita incidenti stradali. Se vuoi fare una donazione alla nostra associazione clicca sull'immagine

Cos'è Avisl Onlus

L’associazione Avisl Onlus ha lo scopo di dare assistenza legale gratuita a chi subisce un incidente stradale o ai suoi familiari. E a chi è vittima di incidenti sul lavoro o per responsabilità medica. Sostiene le vittime e i loro familiari nella pratica assicurativa e nel processo penale e civile. Avisl Onlus si avvale inoltre di psicologi, medici legali e consulenti cinematici. Nessuna spesa anticipata. CHIAMACI AL NUMERO VERDE 800 300 523

Leggi anche

Tragedia di Genova, dal Secolo XIX: “Servono corsi di educazione stradale”

Dopo la tragedia di Genova, in cui una donna in monopattino è stata travolta e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now ButtonCHIAMA ORA