Avvocato esperto incidenti stradali. Sei vittima di un incidente? Chiamaci 800 300 523

CARABINIERE INVESTITO, MUSICCO: “L’OMICIDIO STRADALE NON SIA UNA SCAPPATOIA”

Emanuele Anzini, il carabiniere investito e ucciso nella bergamasca: contestato a Matteo Colombi Manzi l’omicidio stradale. Il presidente di Avisl Domenico Musicco: “L’omicidio stradale non diventi una scappatoia dall’omicidio volontario”

 

Nella notte tra il 16 e il 17 giugno Matteo Colombi Manzi, cuoco di 34 anni di Sotto il Monte, forzò un posto di blocco delle forze dell’ordine, falciando e uccidendo a Terno d’Isola il carabiniere Emanuele Anzini, 41 anni, della compagna di Zogno. Il militare, che indossava una pettorina fluorescente, finì sul parabrezza, sfondandolo, e venne trascinato per alcuni metri. Colombi Manzi scappò, per poi tornare indietro diversi minuti più tardi. Nel suo sangue fu trovato un tasso alcolemico di 2,97 grammi per litro, sei volte circa sopra la media. Emerse che Manzi aveva riottenuto la patente da pochi mesi, dopo una sospensione per guida in stato di ebbrezza. E che a dicembre era già fuggito da un incidente stradale, finendo accusato di omissione di soccorso.

La Procura di Bergamo ha chiesto ora per lui il rinvio a giudizio con l’accusa di omicidio stradale aggravato dalla guida in stato di ebbrezza, dalla fuga e dall’omissione di soccorso. La prima udienza è fissata per il 24 gennaio 2020.

L’avvocato Domenico Musicco, presidente di Avisl (Associazione Vittime Incidenti Stradali, sul Lavoro e Malasanità, primo promotore della legge sull’omicidio stradale, manifesta tuttavia le proprie perplessità sulla decisione della Procura: «L’omicidio stradale è nato per portare delle aggravanti nei casi di incidenti stradali dovuti a negligenze di particolare gravità degli automobilisti. I quali, in passato, pur avendo ucciso delle persone, se la cavavano con pene ridicole per omicidio colposo. Ultimamente, tuttavia, si vedono qualificare come omicidi stradali tutti quelli commessi sulle strade, anche quando la dinamica sembra raccontare tutt’altro. In questo specifico caso viene raccontato l’investimento di un carabiniere che intimava un alt, travolto, finito sul parabrezza di un’auto e trascinato per alcuni metri. Cui si aggiunge la fuga dell’automobilista. Cioè, all’apparenza, si tratta di un investimento volontario, una cosa ben diversa. Anche in altri, recenti episodi, peraltro, si sono visti derubricare investimenti volontari ad omicidi stradali. Non vorrei che l’omicidio stradale diventasse ora una scappatoia giuridica di fronte a possibili contestazioni molto più gravi, come l’omicidio volontario».

Assistenza legale gratuita incidenti stradali. Se vuoi fare una donazione alla nostra associazione clicca sull'immagine

Cos'è Avisl Onlus

L’associazione Avisl Onlus ha lo scopo di dare assistenza legale gratuita a chi subisce un incidente stradale o ai suoi familiari. E a chi è vittima di incidenti sul lavoro o per responsabilità medica. Sostiene le vittime e i loro familiari nella pratica assicurativa e nel processo penale e civile. Avisl Onlus si avvale inoltre di psicologi, medici legali e consulenti cinematici. Nessuna spesa anticipata.

Leggi anche

Bambino schiacciato e morto in un cassonetto a Boltiere, Musicco: “Assurdo che non ci siano sistemi di sicurezza”  

L’assurda morte di un bimbo a Boltiere schiacciato in un cassonetto. Musicco: “Si apra un’inchiesta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now ButtonCHIAMA ORA