Processo Claudia Quattrocchi: Musicco (AVISL), grande vittoria respingimento patteggiamento, ma subito reato omicidio stradale


Processo Claudia Quattrocchi: Musicco (AVISL), grande vittoria respingimento patteggiamento, ma subito reato omicidio stradale

Si e’ svolto oggi a Siracusa il processo per la morte di Claudia Quattrocchi, la tredicenne travolta sulle strisce pedonali l’anno scorso, da un uomo che guidava a forte velocita’ una vettura senza assicurazione e che dopo il forte impatto con la ragazza e’ scappato senza prestare soccorso.

Nonostante l’accordo, gia’ raggiunto tra il pubblico ministero e l’imputato, su una pena, considerata non congrua alla gravita’ dei reati, l’Avvocato Domenico Musicco, anche Presidente della Onlus Avisl (Associazione Vittime incidenti stradali sul lavoro e malasanità), in seguito ad un confronto con il giudice, e’ riuscito a far respingere il patteggiamento che portera’ ad un nuovo processo.

“Il respingimento del patteggiamento ottenuto oggi, permette alla famiglia della giovane Claudia di continuare a credere nella giustizia italiana – ha affermato l’avvocato Domenico Musicco – Questo risultato pero’ non deve essere un punto d’arrivo ma di partenza perche’ non dobbiamo piu’ accettare che una vita spezzata valga pochi anni di pena che, nella maggior parte dei casi, non si trasforma in anni di carcere effettivo. E’ per questo motivo – ha concluso Musicco – che continuiamo a chiedere al Parlamento di velocizzare l’iter per l’approvazione dell’ergastolo della patente e del reato di omicidio stradale, come aggravante. Questi nuovi strumenti legislativi serviranno a dare finalmente, a questo caso ed altri, la giustizia che meritano”.