L’amico muore in un incidente stradale: il vicino di casa ruba tutto. Musicco (Avisl): “Purtroppo succede anche questo”


L’amico muore in un incidente stradale: il vicino di casa ruba tutto. Musicco (Avisl): “Purtroppo succede anche questo”

Una brutta storia arriva da Piombino. Un uomo di 68 anni è morto tragicamente in un incidente stradale, ma neppure il tempo di riposare in pace che il suo vicino di casa ha pensato bene di rendersi “utile” ai parenti svuotando la casa dell’uomo. In realtà l’ha svuotata rubando quello che più gli interessava e portandosi via le cose che riteneva potessero servirgli. Un vero furto: ha portato via dalla casa del defunto anche il motorino ed è stato questo a far capire al fratello della persona morta quello che era successo. L’uomo infatti aveva denunciato il furto nella casa del fratello morto ma non immaginava che a rubare tutto fosse stato il vicino. Una volta visto lo scooter ha subito segnalato alle forze dell’ordine questo strano fatto. Indagini aperte e chiuse immediatamente da parte dei Carabinieri che in casa del vicino hanno trovato gli oggetti appartenuti al 68enne morto.

Una notizia che fa davvero molto riflettere su quelli che sono diventati ormai i rapporti tra le persone, sempre che si possa parlare di rapporti in questo caso.

Il fatto è accaduto sabato pomeriggio, ma solo ora se n’è avuta notizia. Il ladro, un piombinese di 43 anni già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato denunciato per furto, aggravato da abietti motivi, dai carabinieri che lo hanno fermato sotto la sua abitazione mentre stava uscendo a bordo dello scooter rubato.

Tra gli oggetti che il ladro aveva rubato dall’abitazione del suo vicino anche una collezione di orologi oltre appunto allo scooter che aveva sapientemente parcheggiato di fronte alla sua abitazione. Per le forze dell’ordine incastrare il 43enne è stato davvero un gioco da ragazzi. Una volta esistevano i ladri gentiluomini e adesso invece? Questa che arriva da Piombino è davvero una brutta storia di degrado dell’umanità.

“Davero una brutta storia- commenta l’avvocato Domenico Musicco, presidente di Avisl -. Non c’è più rispetto per nulla e per nessuno. Questa persona è stata vittima due volte: non ci sono parole”.

 

Fonte: Ultimenotizieflash.it 13 ottobre 2015