Bambina travolta a Corsico


Bambina travolta a Corsico

Il testo sarà inserito a breve...“Nonostante la legge sull’omicidio stradale e l’impegno delle forze dell’ordine il numero dei pirati della strada è in aumento. A Milano, da anni, è stata istituita una task force della polizia locale per scovare i pirati della strada. I risultati di questa azione sono ottimi: nel 93 per cento dei casi il responsabile dell’incidente viene scovato. Bisognerebbe trovare una formula per dare a tutti i Comuni, anche i più piccoli, la possibilità di accedere a questo servizio, magari consorziandosi tra di loro per non gravare sui bilanci. Altro aspetto sono le condotte di chi è alla guida. I comportamenti errati più frequenti causa di incidenti sono la distrazione alla guida e la velocità troppo elevata (nel complesso il 40,8% dei casi). Le violazioni al Codice della Strada più sanzionate risultano l’eccesso di velocità, il mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza e l’uso di telefono cellulare alla guida. La legge sull’omicidio stradale, di cui siamo stati tra i primi promotori, ha portato effetti positivi, ma se proviamo a rivolgere lo sguardo fuori dai nostri confini il focus è centrato sulla prevenzione. La prevenzione si affida a tre punti fondamentali: sicurezza del veicolo, sicurezza delle infrastrutture ed una mobilità cooperativa autonoma e connessa. Ad esempio il semplice controllo delle gomme potrebbe salvare in Italia oltre 50 vite all’anno”. Sono queste le parole usate dall’avvocato Domenico Musicco, presidente della Onlus Avisl (Associazione Vittime Incidenti Stradali) per commentare quanto accaduto a Corsico dove una bambina di 8 anni a passeggio con i genitori è stata investita da un centauro che poi si è dato alla fuga.